Social

 

 

 

               FRANI COMUNICATION e REKLAMA TV 

 

 

PARTNER


Strict Standards: Declaration of JCacheControllerView::get() should be compatible with JCacheController::get($id, $group = NULL) in /web/htdocs/www.franicomunication.it/home/frani/libraries/joomla/cache/controller/view.php on line 137

D.R.S. Group

APRIRE UNA SRL IN BULGARIA  È FACILE E TUTTO INCLUSO (DOMICILIAZIONE PRESSO LO STUDIO DI UN AVVOCATO, CONTO CORRENTE, ISCRIZIONE VIES)

 

 

Il titolare della SRL può essere anche una persona non residente in Bulgaria, così come lo possono essere più persone o anche più aziende italiane. Se la SRL è iscritta al registro intracomunitario VIES potrà emettere fatture anche a soggetti italiani. 

Ricordiamo che la tassazione sull’utile societario in Bulgaria è del 10% senza alcun aumento in base al volume d’affari. E’ la tassazione più bassa dell’area Ue.

Esempi di controllo societario SRL bulgara da parte di soggetti italiani.

CASO 1: il caso più diffuso per piccole esigenze, controllo da parte di una persona fisica italiana.

SRL1

CASO2: Controllo da parte di più persone fisiche:

SRL2

 CASO 3: Controllo misto persona fisica/società italiana:

SRL3

 CASO 4: Controllo società italiana/SRL bulgara:

SRL4

Sono ovviamente possibili anche altre forme di controllo societario, come ad esempio il controllo da parte di società non italiane (es: sammarinesi etc). Per maggiori informazioni contattate un nostro consulente.

Consulenza fiscale.

Uno degli aspetti da tenere in considerazione, quando si valuta l’apertura di una società estera, da parte di un residente in Italia, sono le nuove norme in materia antielusiva del fisco e in particolare il c.d. decreto Bersani in materia di esterovestizione.

Il confine che separa ciò che la prassi dell’Agenzia delle entrate definisce come “esterovestizione” dal fondamentale diritto da parte di un cittadino italiano di scegliere lo stabilimento della propria attività in Europa, diritto sancito dai trattati europei,  è abbastanza sottile. Motivo per cui è necessaria una consulenza specializzata che partendo dalle esigenze concrete del cliente, dagli scopi che lo stesso si è posto, dalla sua situazione e posizione in Italia, possa fornire le prime indicazione per una corretta apertura e formalizzazione di una società in Bulgaria. Un oculata consulenza che si estende anche agli anni successivi della vita societaria, con particolare rifermento alla tenuta contabile della stessa.

Noi chiamiamo questo processo: consulenza alla tenuta di verifica fiscale ed è un momento molto importante da non sottovalutare. Un approccio serio sin dai primi passi è garanzia di risultati concreti e soddisfazioni economiche future. Affidarsi a ditte improvvisate, con sede in Bulgaria, che non conoscono la realtà fiscale italiana, ma solo quella bulgara, rischia di trasformare l’esperienza di una società in Bulgaria in un incubo al primo accertamento da parte dell’amministrazione tributaria italiana.

I consulenti di Frani comunication seguono corsi di aggiornamento continui sulle regole tributarie italiane, con particolare formazione su tutte le circolari dell’Agenzia delle Entrate; di tutte le norme in materia di IVA, imposte sui redditi, leggi doganali; delle linee guida in uso ai verificatori; delle principali sentenze in materia di esterovestizione ed abuso del diritto e degli ultimi orientamenti interpretativi del fisco italiano; delle principale norme comunitarie in materia commerciale e fatturazione tra Stati; degli accordi bilaterali in materia di fisco tra Italia e Bulgaria.

Ci pregiamo del risultato: a nessuna azienda da noi seguita è stato mai mosso alcun addebito, nel merito di partecipazione in società bulgare, durante un accertamento fiscale.

Sono risultati che vantiamo grazie ad una solida preparazione e formazione dei nostri consulenti. Un incontro con loro non sarà mai una perdita di tempo, se state valutando l’apertura di una società in Bulgaria o il trasferimento in loco della vostra attuale attività.

In ogni momento è possibile fissare un incontro con i nostri consulenti con la certezza di incontrare persone preparate, che sapranno valutare subito la vostra situazione e fornirvi suggerimenti pratici per aprire la vostra società in Bulgaria in tutta tranquillità.

ACQUISTARE BENI MOBILI ED IMMOBILI.

Visto le ottime prospettive di investimento nel immobiliare in Bulgaria, e nella prevedibile salita di valore dei terreni ed immobili, può essere interessante conoscere più da vicino le offerte immobiliari in Bulgaria. In questa pagina ce ne sono due riferiti a due centri commerciali. Oltre a questi siamo in grado di fornire, senza alcuna provvigione da parte nostra, offerte sui immobili e terreni nella fascia di prezzi richiesti.

SPA BULGARA: 100% AZIONI AL PORTATORE.

Per chi ha esigenze più articolate, può essere interessante sapere che la Bulgaria è l’unico stato UE che consente l’apertura di una SPA con azioni al portatore fino al 100% del capitale. La titolarità di una SPA siffatta è ignota anche alle autorità bulgare, in quanto la stessa cambia con la semplice cessione di azioni cartacee. Il capitale sociale versato deve essere minimo di 25.000 euro, di cui però solo 6.200 devono essere versati al momento d’apertura e il restante entro due anni dalla costituzione della società.

Il capitale sociale può consistere anche in beni come immobili o terreni.

La SPA può essere anche dormiente: possedere beni mobili o immobili senza effettuare attività commerciali, e avere costi di manutenzione molto interessanti.

ESERCITARE ATTIVITÀ PROFESSIONALI.

Seguiamo anche le attività soggette all’iscrizione agli albi, come ad esempio l’attività di ingegnere per progettazione e direzione di lavori, e che richiedono adempimenti aggiuntivi. Abbiamo il know how per far ottenere l’iscrizione e le abilitazioni per l’esercizio di qualunque attività da parte del cliente, anche per quelle attività che in Italia sono a numero chiuso.

REGISTRARE MARCHI, BREVETTI E DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE.

Tramite la Bulgaria è possibile registrare a costi molto più convenienti che in Italia ma con le stesse garanzie: marchi comunitari e a livello internazionale (oltre 140 paesi del mondo); brevetti, modelli di design e depositare copia di canzoni, testi, e altre opere d’ingegno al fine di tutelarne la proprietà e ottenere roylaties in caso di loro utilizzo da parte di terzi.

APRIRE UNA AZIENDA DI AUTOTRASPORTO IN BULGARIA.

Per chi si occupa di autotrasporto in conto terzi, la Bulgaria offre interessanti opportunità. Per iniziare: non è necessaria l’iscrizione all’albo autotrasportatori locali per chi esercita con mezzi inferiori alle 3,5 t. Mentre in Italia tale obbligo vige anche per questa categoria di veicoli.

Come è noto l’art. 2 del D.M. n. 601/87 consente l’utilizzo, da parte di aziende iscritte all’albo degli autotrasportatori in conto terzi, di veicoli stranieri. Ciò è estremamente interessante per il contenimento di costi quali: assicurazione e bollo.

Inoltre, i furgoni immatricolati possono essere ceduti a noleggio a società italiane che esercitano, in Italia, l’attività di autotrasporto, con importanti riduzioni di costo, in particolare per l’assicurazione e il bollo.